Seguici sui Canali Social

Come “reclutare” il candidato ideale con i social network: Instagram e Facebook

 Agile è la parola che oggi ha un ruolo fondamentale: velocità, rapidità.

Si può applicare anche al Recruiting?

 La risposta è senza dubbio SI 

VEDIAMO COME


Nell'ultimo ventennio vi è stata l’implosione massiccia della tecnologia, conducendo alla nascita di molti social network, Linkedin, Facebook, Instagram ed per ultimo il recente Tik Tok. 

I social network richiedono un processo di gestione e comunicazione complesso, che risulta facile ed agile per la generazione millenials e la successiva, al contrario non è facilitata verso la generazione over 40. Per definizione si intende la rete sociale, dove attraverso delle piattaforme web gli individui sono connessi tra loro, creandosi una vera e propria rete online di legami. La rete è necessaria per creare delle relazioni online, conoscenze, scambio di informazioni. 

I social connettono le persone di tutto il mondo, abbattendo il limite della distanza Se una volta per creare rete era importante il ruolo della scuola o dell’oratorio oggi questo è cambiato, dando vantaggio al web Pertanto gli attori principali protagonisti all'interno di Facebook o Twitter sono le generazioni millenials e le successive, poiché hanno sia un mindset che una comunicazione agile e veloce Agile e veloce si applicano anche ai processi di selezione, per questo è fondamentale usare i social network, i quali permettono l’individuazione di un ampio plafon di candidati da presentare alle aziende. 

Siamo passati dalla gestione dell’attività di ricerca e selezione guidata dall'uso dei CRM e Gestionali, alla combinazione con i Social network, dove è possibile sia pubblicare le job che trovare i candidati ideali 

Questo non vuol dire abbandonare totalmente i gestionali, ma integrarli con le piattaforme social quali Facebook o Instagram, dove lo slang giovanile è maggiormente presente. 

I gruppi di neolaureati o le persone in cerca di lavoro di una specifica città pullulano di risorse attive in cerca di impiego, ecco che i Recruiter vi si fiondano. Sui social network si possono individuare due tipologie di candidati, attivi e passivi, i primi sono alla ricerca di un impiego, quindi facilmente individuabili sui vari gruppi oppure tramite una ricerca con filtro, mentre i secondi non hanno un impiego ne lo ricercano, ma siamo noi Recruiter tramite una comunicazione diretta ed empatica, che li individuiamo per i processi di selezione.


L’attività di Recruiting tradizionale

Per Recruiting tradizionale si intende l’individuazione del candidato ideale tramite strumenti quali CRM e gestionali Entrambi sono tecnologie o per meglio dire soluzioni software che tramite l’applicazione web ne permettono il loro utilizzo. 

I gestionali hanno svariate potenzialità: 

1. Individuare i candidati registrati al sito aziendale; 

2. Pubblicare job; 3. Individuare i CV pervenuti I CRM al contrario dei gestionali aggiungono delle applicazioni tra cui l’opportunità dei video – colloqui in differita 

Tramite gestionali che CRM, arriviamo a quei candidati in cerca di opportunità e che si sono attivati in tal senso, penalizzando invece i Neet (soggetti ne alla ricerca di impiego, ne di opportunità formative), ecco che qui subentra il ruolo dei social network 

Una buona attività di recruiting prevede la pubblicazione dell’inserzione, la gestione successiva a cui si aggiunge prima dello screening l’attività di ricerca dei candidati passivi o ulteriori individui attivi ma che usano esclusivamente Facebook ad es per comunicare, quindi è necessaria un integrazione tra i sistemi tradizionalisti e il processo digital ancora in atto

 Il Recruiting si sta evolvendo indossando l’abito digital, non a caso si parla di digital recruiting 

Cosa richiede il digital recruiting? Nuove competenze, tra cui l’uso della tecnologia, una comunicazione meno formale, vicina alla generazione Z.

 I social network presentano svariati vantaggi sia per la selezione che per il personal branding dell’azienda, a questo si aggiunge l’esperienza positiva del candidato, che la trasmette all'interno della propria rete sociale


Il ruolo dei social network nei processi di selezione 

Il ruolo dei social network nei processi di selezione è fondamentale nelle primissime fasi di recruiting dei profili da condurre nella fase di intervista ed analisi del profilo. 

I vantaggi che ne trae il Recruiter sono molteplici, vediamone alcuni: 

1. Individuazione di un ampio plafon di candidati: i candidati passivi sono quelli maggiormente penalizzati nel mondo del lavoro, per questo vengono in supporto Facebook o Instragram, che ne permettono la loro individuazione; 

2. Velocità: Se ci viene richiesto di individuare un determinato profilo in tempi rapidi sicuramente è di facile individuazione sui social network; 

3. Valutazione accurata dei candidati: Susseguente lo screening, è ottima attività individuare cosa fa il candidato sulla rete, affinché si verifichi la loro reputazione. Immagini, contenuti, rete di contatti, presenza attiva o meno ne sono la testimonianza; 

4. Risparmio di risorse e tempo: Una volta che pubblichiamo l’inserzione nei gruppi o sulla pagina Facebook aziendale, il processo di selezione lavora in maniera automatica per noi Questo ci consente di dedicarci ad altre attività; 

5. Immagine positiva verso l’azienda: Utilizzare i canali social sia per la selezione che per comunicare quello che facciamo permette al candidato di trasmettere l’idea di essere agile, al passo con i tempi ed all'avanguardia con le tecnologie.

 6. Individuazione di determinati profili: Hostess piuttosto che settori come la ristorazione sono facilmente individuabili su Facebook che nei nostri gestionali. 

Raggiungere questi vantaggi richiede un lavoro preliminare composto da uno studio di strategie di comunicazione su quello che vogliamo trasmettere 


Come reclutare il candidato ideale con i social network: Instagram & Facebook

Come reclutare il candidato ideale tramite le piattaforme social? 

La mia testimonianza è fondamentale, Seguimi Partiamo dal social per eccellenza, Facebook….. Le azioni che si possono compiere sono svariate: 

A. Postare la nostra job sulla pagina ufficiale dell’azienda, farla circolare in rete, in modo da ottenere maggiori like e commenti possibili; 

B. Individuare gruppi di candidati in cerca di impiego, oppure gruppi universitari o afferenti al mondo del lavoro; C. Uso dei filtri, i quali ci permettono di individuare la Città dove vogliamo reclutare i profili corrispondenti alle esigenze delle nostre aziende clienti; 

Passiamo ad Instagram Oggi risulta poco utilizzato nell'attività di ricerca e selezione, ma in realtà è una miniera d’oro. Come trovare il candidato ideale? L’attività principale da compiere, è l’uso di Hastag specifici che permettono di individuare profili a cui inviare il messaggio in direct, oppure possiamo inserire un documento in formato jpeg riportante l’inserzione con l’email o il contatto per ricevere i CV Una volta ricevuti i CV sugli stessi social, possiamo verificare come abbiamo detto precedentemente la reputazione dei candidati. 


Voglio riportare una testimonianza diretta che mi è capitata nella mia carriera 

Profili nella ristorazione su Milano Città 

Cercare gruppi specifici come ad es offro/ cerco lavoro Milano è la primissima azione che mi sono ritrovato a compiere: pubblicazione job e analisi di tutti le persone iscritte al gruppo, per comprendere chi era di Milano Ingegneri informatici neolaureati Usare l’hastag su Instagram Graduation piuttosto che Information Engineering mi ha permesso di individuare dei profili richiesti dall'azienda 

Chiaramente i social non permettono di individuare il candidato in meno di 24 H, ma abbattono tempi e risorse economiche, ed considerano le persone che non hanno dimestichezza con i gestionali Agile non è solamente il modo di pensare ma sopratutto rendere i processi flessibili e veloci 

Il Recruiter nei prossimi mesi complice il covid sarà sottoposto alla sfida continua della formazione al digital, l’individuazione dei candidati non può fermarsi ai processi tradizionalisti, ma deve integrarsi con le nuove piattaforme social, di cui come abbiamo visto i vantaggi sono molteplici.

Commenti