Seguici sui Canali Social

Come creare un profilo Linkedin di successo



Oggigiorno, vivendo in piena èra digitale, anche il modo di trovare lavoro è cambiato. Il centro per l'impiego e gli annunci sui giornali hanno lasciato spazio a piattaforme professionali riservate esclusivamente a chi cerca lavoro, come Monster, Indeed o Linkedin. Quest'ultimo è un social che connette le persone a livello professionale, permette principalmente di rintracciare e contattare privatamente figure apicali di varie realtà, farsi conoscere, inviare il proprio Cv in risposta ad annunci di lavoro e creare un profilo con le proprie esperienze e competenze.

Proprio perchè utilizziamo questo social a livello professionale è importante avere il proprio profilo curato e aggiornato come se fosse un vero e proprio CV, perchè è la prima impressione che le aziende e i manager/recruiter hanno dei candidati quando applicano ad un'offerta lavorativa su Linkedin.

 

Spesso nella mia attività di head-hunter mi sono imbattuta in profili poco curati e non aggiornati che non mi dicevano nulla della persona, anzi mi davano l'idea di un candidato poco attento al dettaglio ma soprattutto poco interessato all'azienda, ma interessato solo a trovare un'occupazione, qualunque essa fosse. Ecco dunque di seguito alcuni consigli per creare un profilo linkedin di successo.

 

Il primo consiglio che mi sento di dare è quello di scegliere per il proprio profilo Linkedin una fotografia professionale, magari mentre si sta svolgendo la propria attività lavorativa. Ci tengo a sottolineare che la fotografia è la prima impressione che i nostri potenziali datori di lavoro si faranno eviterei pertanto istantanee riguardanti il tempo libero, che si addicono poco alla sfera professionale. Per quanto riguarda la  sezione dedicata al nome, consiglio di mantenerla pulita e semplice evitando di aggiungere acronimi o ulteriori titoli. Discorso a parte merita invece l'intestazione, che deve catturare l'attenzione di chi si imbatte nel vostro profilo, è importante scegliere un titolo che invogli a visitare e leggere il profilo  ancora una volta è vitale distinguersi e fare la differenza!

Di fondamentale importanza sono i collegamenti agli utenti piace connettersi con le persone connesse! Linkedin mostra solo 500 collegamenti, consiglio sempre di raggiungere almeno il minimo di 500 contatti seguiti/aggiunti; i recruiter sono molto attenti al numero di collegamenti attivi sul vostro profilo, soprattutto se si tratta di candidati che devono lavorare in ambito commerciale o nelle risorse umane, e hanno necessità di avere un buon network.

La sezione dedicata alle informazioni di contatto va compilata con cura; suggerisco di inserire tutti i contatti attraverso cui si vuole essere contattati e un indirizzo e-mail da affiancare al sistema di messaggistica Linkedin in aggiunta a tutti i siti personali aziendali e professionali. L'importante è utilizzare diciture accattivanti che invoglino i contatti a cliccare sui collegamenti. Di fondamentale importanza per essere facilmente trovabile è personalizzare il proprio profilo url cercando di inserire il proprio nome completo; sarà più facile per i recruiter intercettare il vostro profilo. Qualora il vostro nome fosse già stato utilizzato sarà necessaria fare una piccola modifica.

 

Non di poca importanza è l'aggiornamento continuo e costante del proprio stato di Linkedin con link e contenuti accattivanti che possono fornire un valore aggiunto a chi vi segue e soprattutto mostrano agli occhi dei recruiter candidati attivi, aggiornati e “sempre sul pezzo”!

 

Altra sezione importate e di grande impatto è il sommario, da compilare con cura e attenzione; consiglio di inserire un riassunto ben scritto delle proprie competenze acquisite nel corso del tempo, stando attenti ad utilizzare parole chiave tipiche del proprio lavoro e scrivendo in prima persona singolare. Spesso mi è capitato di leggere descrizioni scritte in terza persona singolare che, a mio avviso, denotano una persona poco aggiornata, esuberante e anche un po' altezzosa. Ancora una volta, l'obiettivo del sommario è quello di catturare l'attenzione del lettore, pertanto è fondamentale pensare di scrivere come se ci si rivolgesse direttamente a potenziali clienti o datori di lavoro.

 

Nota a parte merita la sezione dedicata alla conferma delle competenze; suggerisco di inserire le proprie competenze - veritiere - e di richiedere la conferma ai propri colleghi, clienti e superiori, così come la richiesta di segnalazioni.

 

Altro consiglio è quello di utilizzare i propri progetti per fini promozionali. Linkedin dedica una sezione a parte per mostrare i propri prodotti o servizi. Utilizzatela per segnalare contenuti interessanti per il vostro network.

 

Avere almeno una decina di segnalazioni /raccomandazioni migliora la vostra credibilità sul social, pertanto cercate di chiedere a colleghi o superiori di pubblicare una raccomandazione sul vostro profilo. L'avere o no una segnalazione non è discriminante ai fini di un'assunzione, però può migliorare la propria visibilità agli occhi di un recruiter. Una segnalazione da parte di una capo o di una persona che occupa un ruolo di rilievo ed è stato vostro supervisore in azienda denota un candidato capace di lasciare il segno e farsi apprezzare.

 

Fondamentale, per avere un profilo di successo, è quello di utilizzare parole chiave attraverso cui vorreste essere trovati. Sia nel titolo della vostra attuale posizione lavorativa sia in quello delle esperienze precedenti occorrerebbe usare alcune parole chiave d'impatto, per essere rintracciati più velocemente.

 

Ricordatevi di compilare la sezione dedicata al volontariato e la sezione riguardante riconoscimenti e premi, qualora ne aveste; sono tutte attività extra che mostrano una persona impegnata su più fronti, ben organizzata e che riesce a portare a termine gli obiettivi prefissati.

 

Infine, un ultimo consiglio è quello di partecipare ai gruppi che trattano dei propri interessi e del proprio ambito lavorativo. È un modo per tenersi sempre aggiornati e condividere conoscenze e competenze con gli altri partecipanti. Ci si può iscrivere fino ad un massimo di 50 gruppi.

 

Ora sai qualcosa in più su LinkedIn e sul suo utilizzo. Che aspetti? Aggiorna o apri subito un profilo anche su questo social, e con un po' di costanza e pazienza riuscirai a raggiungere dei grandi risultati!




Francesca Sardella 
Responsabile Selezione del Personale 

Commenti