Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2020

Seguici sui Canali Social

Flessibilità nel mercato del lavoro

Immagine
L'OCSE ha definito la flessibilità del lavoro come la possibilità di modificare le policy sul lavoro in modo da adattarle meglio ai contesti locali, rapportandole alla capacità da parte dell'impresa di aumentare e ridurre il numero di lavoratori al suo interno. La flessibilità è più elevata quando sono minori i costi di assunzione e licenziamento e ad una maggior flessibilità consegue un aumentano dei flussi in entrata e in uscita dallo status di disoccupazione, riducendo i tempi di permanenza in tale condizione.   Per le imprese è auspicabile una maggior flessibilità della forza lavoro per poter rispondere meglio alle esigenze di contenimento dei costi e di recupero di efficienza. Tuttavia, troppa flessibilità ha delle ripercussioni sia dal punto di vista macroeconomico (minor propensione al consumo indotta dalla consapevolezza della temporaneità del rapporto di lavoro e quindi dall'incertezza del reddito percepito) che da un punto di vista aziendale (una limitata stabilit

L’orientamento professionale: trasformazione e nuove necessità

Immagine
L’orientamento professionale: trasformazione e nuove necessità  L’orientamento scolastico e professionale dall'inizio della pandemia ha mutato volto, tutti abbiamo visto i vari open day cancellati o rimandati (tranne qualcuno).  Il digital ha confermato che le modalità con cui venivano effettuate le attività orientative al termine del percorso formativo erano erronee: brochure, visite guidate negli atenei piuttosto che nelle imprese non bastano.  Questo è testimoniato dal mismatch di skills in cui oggi versa il mercato italiano. Mostrare alle nuove generazioni le competenze, capacità ruoli necessari ai nuovi mestieri è fondamentale, per far questo occorre un nuovo mindset che cambi la stessa concezione di orientamento, d'altronde le attività orientative non sono le stesse degli anni precedenti.  Brevi cenni all’orientamento professionale L’orientamento professionale è una disciplina della psicologia, che ha per oggetto la guida, il supporto dell’individuo verso il percorso scol

Alcuni consigli per scrivere una lettera di presentazione vincente

Immagine
La lettera di presentazione, meglio conosciuta come “cover letter”, serve ad accompagnare il CV per consentire al selezionatore di farsi una prima impressione del candidato e di capire perch é abbia maggiori potenzialità di più di un altro. Molti candidati hanno difficoltà e non sanno bene come scrivere una lettera di presentazione efficace e quindi si limitano a fare il riassunto del CV. Assolutamente NO … niente di più sbagliato per fare una pessima impressione! L'obiettivo della lettera di presentazione è proprio quello di mostrarsi preparati, competenti e in linea con la posizione per cui ci si è candidati . Una lettera di presentazione vincente dev'essere essenziale, professionale (senza errori ortografici) e non più lunga di una pagina ma soprattutto deve mettere in luce tutto ciò che in un CV non emerge quindi la motivazione che spinge alla candidatura, le soft skills acquisite e le qualità personali . Per capire che stile di comunicazione adottare consiglio s

Il Cuneo fiscale e contributivo

Immagine
Il dibattito economico-politico da molto tempo evidenzia la necessità di ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie per incrementare la crescita e la competitività del Paese. Quando si discute delle problematiche inerenti il rilancio occupazionale, la crescita economica, il sostegno alle imprese e alle famiglie, uno degli argomenti più dibattuti è il cuneo fiscale/contributivo e la necessità di una sua riduzione. Il cuneo fiscale, in termini economici, è la deviazione dal punto di equilibrio prezzo/quantità come risultato della tassazione che si riflette sul prezzo finale di beni e servizi. In altre parole rappresenta l’aumento di prezzo che subisce uno specifico bene e/o servizio quando viene introdotta un’imposta sui redditi da lavoro. In generale, trascurando l'elasticità della domanda  (che permette di comprendere chi, fra produttori e consumatori, sopporterà in misura maggiore il peso della nuova imposta), gli effetti più rilevanti conseguenti l'introduzione di una

Lavoro da remoto: comfort come in ufficio

Immagine
Prosegue il lavoro da casa e di pari passo aumenta la percezione di dover organizzare l'ambiente domestico per avere uno stile ed i comfort dell'ufficio senza però sacrificare gli spazi di vita quaotidiani. Questa serie di strumenti si integrano con quelli che ho già consigliato in uno dei post precedenti che trovate a questo link,  Lavoro da remoto: strumenti utili . In aggiunta ad un buon pc (home o notebook  di cui ho parlato in un articolo precedente) per lavorare e non solo da casa avendo tutti i "comfort"  di un ufficio è utile avere una stampante. Esistono stampanti di ogni tipo che posso soddisfare tutte le esigenze, stampanti multifunzione (fungono da stampanti, fotocopiatrici, scanner ecc. e che richiedono spazi maggiori), stampanti wireless (nessun collegamento al pc, basta una connessione ad internet e si stampa da qualsiasi angolo della casa), spampanti al laser o inkjet (il toner laser ha un costo maggiore delle cartucce a getto d'inchiostro ma la du

Come scrivere un Curriculum Vitae di successo

Immagine
Il curriculum è per antonomasia il proprio biglietto da visita e rappresenta la chiave in grado di aprire le porte di un colloquio di lavoro. In un panorama occupazionale sempre più precario e competitivo, diventa fondamentale presentarsi al meglio: ecco dunque alcuni consigli che ho messo a punto dopo qualche anno nel settore delle Risorse Umane come Recruiter per aiutare chi sta per entrare nel mondo del lavoro a emergere o chi semplicemente vuole rendere il proprio curriculum più accattivante. Il primo consiglio che mi sento di dare visto che è ormai noto che i selezionatori leggono migliaia di curriculum al giorno è quello di scriverlo in maniera semplice, accattivante e senza errori ortografici. Spesso mi sono imbattuta in CV sciatti, poco curati e soprattutto con errori ortografici che rendono l'idea di un candidato poco attento e disinteressato a quell o che dovrebbe essere la cosa più importante: cercare lavoro. All'interno di un CV non è fondamentale solo i