Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2020

Seguici sui Canali Social

Payroll: uno strumento di comunicazione e gestione

Immagine
Payroll  è il termine con il quale comunemente si definiscono  le attività che riguardano la gestione dei cedolini delle risorse umane. L’elaborazione dei cedolini paga è la principale operazione ma non l’unica: esistono tutta una serie di attività preliminari e successive ad essa correlate e più o meno complesse a seconda del contesto di riferimento. Per comprendere le operazioni che danno luogo al processo di payroll si può partire dall’analisi degli elementi della busta paga per capirne l’importanza. La normativa dispone che i datori di lavoro hanno l'obbligo di consegnare ai lavoratori dipendenti "un prospetto paga" in cui devono essere indicati chiaramente tutta una serie di elementi tra cui quelli che riguardano la retribuzione. La "busta paga", nata originariamente come busta per contenere materialmente il corrispettivo in danaro, nel tempo a seguito dei mutamenti normativi, ha assunto il ruolo di documento contabile poichè non solo deve c

Eraclito: La comunicazione come Logos del change management

Immagine
“Non c’è realtà permanente ad eccezione della realtà del cambiamento; la permanenza è un’illusione dei sensi” Al cambiamento non sfugge nessuno! Il cambiamento è la sostanza della nostra realtà ed in alcuni casi è voluto, in altri avviene inconsciamente o ci è imposto da eventi che non possiamo controllare, c’è chi lo teme e cerca di opporsi ad esso e chi, all’opposto, cerca di cavalcarlo. Come per ogni individuo anche per le organizzazioni, piccole, medie e grandi, cambiare significa uscire dalla zona di comfort e scontrarsi con rischi, ostacoli e tensioni. Per affrontarli, il change management in azienda non può mancare! La forma dell’essere è il divenire poiché ogni cosa si trasforma quindi, nulla è statico ma tutto è dinamico. Questo dinamismo è il Logos (ragione) ossia la legge fondamentale, universale della realtà di tutte le cose. Logos è un principio razionale quindi, riferibile all’attività del pensiero (Cartesio) ma, i pensieri si traducono in par

Ottimizzare i costi delle risorse umane, perchè è sempre più rilevante e quali strumenti possiamo utilizzare?

Immagine
I costi delle risorse umane rappresentano una voce molto rilevante nei bilanci di un’impresa e chi ha un’azienda sa bene di cosa parlo. La conoscenza di tecniche e modalità per il contenimento dei costi può fare la differenza sia in termini di competitività che di risultato aziendale. L’analisi dei costi è uno strumento utile per massimizzare l’efficienza dell’amministrazione delle risorse a disposizione di un’azienda. La gestione dei costi è importantissima nell’ambito della gestione dell’impresa in considerazione dei vantaggi che apporta. Infatti, avere un sistema di controllo dei costi permette di sapere come si creano i costi all’interno dell’organizzazione e quindi di poterli controllare per aumentare i profitti. Nella gestione aziendale, gli interventi economici possono essere effettuati sui costi e sui ricavi, s i possono migliorare risultati non soddisfacenti agendo quindi in due direzioni: aumentando i ricavi o riducendo i costi. Nel primo caso le possibili

CoronaVirus: AIDP a sostegno delle imprese

Immagine

Intervista al Presidente regionale aidp lazio

Immagine
Davide Maggio  David Trotti Hr manager Presidente Regionale Aidp Lazio “Mondo lavoro”   Il lavoro visto dal presidente regionale aidp lazio : David Trotti  Uomo di legge e poi uomo del lavoro, ha tracciato una linea ben precisa nella sua carriera professionale, ha sempre visto il lavoro come opportunità per sé e per le risorse che ha gestito, facendo del  capitale umano il centro del lavoro come risorsa e non come costo.  Presidente, che cos’è AIDP? AIDP è l’Associazione Italiana per la direzione del Personale che si occupa di sviluppare la cultura delle risorse umane in Italia. Conta più di tremila soci in tutta Italia. Nel Lazio è presente con un gruppo regionale, che ha referenti su quasi tutte le province della regione. Attraverso convegni, incontri e dibattiti cerca di sviluppare e stimolare il confronto su quello che è il capitale più im

Alcune aziende rispondono meglio ai cambiamenti? Il risk management ne è il segreto!

Immagine
La sopravvivenza delle aziende dipende sempre più dalla capacità di trasformare processi, prodotti e modelli di business per rispondere ai cambiamenti.  Ancor prima che le risorse tecnologiche e finanziarie, assumono rilevanza le competenze interne: il capitale umano! Tra le skills che permettono alle organizzazioni di rispondere repentinamente ed efficacemente ai cambiamenti c'è il Risk Management ma, cos'è e come si integra con la funzione HR? Ogni azienda e organizzazione è esposta al rischio di eventi imprevisti e dannosi che possono costare denaro o causarne il default e quindi la chiusura. La gestione dei rischi consente alle organizzazioni di tentare di prepararsi agli imprevisti minimizzando i rischi e i costi aggiuntivi prima che si verifichino. La gestione del rischio è il processo di identificazione, valutazione e controllo delle minacce al capitale e ai guadagni di un'organizzazione. Queste minacce o rischi potrebbero derivare da un'ampia varietà

Può Giambattista Vico indicarci la via per affrontare il post emergenza COVID 19?

Immagine
La " teoria dei corsi e ricorsi storici " potrebbe permettere al mondo di affrontare il post emergenza COVID-19? Da sempre abbiamo assistito a situazioni che ci hanno riportato alla mente precedenti periodi storici, seppur in forme diverse! Il filosofo napoletano Giambattista Vico, vissuto fra il XVII e il XVIII secolo, era convinto che la storia fosse caratterizzata dal continuo e incessante ripetersi di tre distinti cicli: l’età primitiva e divina, l’età poetica ed eroica, l’età civile e veramente umana.  Il continuo ripetersi di questi  cicli , predeterminato e regolamentato,  è noto come  “teoria dei corsi e dei ricorsi storici” , i n altri termini il Vico sosteneva che alcuni accadimenti si ripetevano con le medesime modalità, anche a distanza di tanto tempo. Nel ventesimo secolo si sono verificate tre pandemie influenzali: nel 1918 (spagnola), 1957 (asiatica), e 1968 (hong kong) e due crisi economiche: nel 1929 e nel 2008. Come possiamo trarre inse